Domenica delle Palme

Carissimi, pur in questo tempo così drammatico e tragico, siamo invitati a vivere, per quanto possibile in pienezza (con la nostra preghiera, con la meditazione del Vangelo, con l’invocazione della salvezza per il mondo, con a carità), la Settimana Santa che ci immerge nel mistero della morte e risurrezione del Signore Gesù. Per questo vorrei soffermarmi con voi su alcuni aspetti, che fanno parte dell’antichissima tradizione cristiana e che magari noi abbiamo un po’ lasciato perdere.

Tempo di preghiera

Carissimi, i sacerdoti e i diaconi, insieme con i religiosi e le religiose, hanno l’obbligo di pregare quotidianamente quello che generalmente si chiama “breviario”: una preghiera per se stessi e, soprattutto, per tutta la Chiesa e per tutti gli uomini. Va detto, e mi pare una cosa molto bella, che ormai anche molti di voi pregano con questa preghiera della Chiesa, secondo le possibilità nelle varie giornate.

A porte chiuse

Carissimi, in questa ultima settimana noi sacerdoti ci sentiamo come quei genitori che hanno i figli lontani: figli amati, figli desiderati, figli abbracciati sempre nel cuore, eppure lontani per tutta una serie di circostanze… noi sacerdoti sentiamo la “lontananza” di quei nostri “figli” che siete voi, carissimi: i bambini e i ragazzi, le famiglie e gli anziani… insomma, tutti voi, ai quali il coronavirus concede, al massimo, di passare rapidamente in chiesa per un momento di preghiera, che è anche momento di affidamento al Signore… Ebbene, noi sacerdoti ricordiamo con nostalgia, vorremmo

Cammino di Quaresima

Carissimi, con l’auspicio che possa presto passare l’emergenza sanitaria che ha rallentato e modificato i ritmi della nostra vita, anche comunitaria, vi presento quello che, per la parrocchia di San Lorenzo, potrebbe essere il cammino di Quaresima, così come era stato indicato dal Consiglio Pastorale parrocchiale e ultimamente definito dal Gruppo Liturgico.

CORONAVIRUS

A seguito di quanto stabilito dalla Regione Veneto per evitare gli assembramenti di persone, la Diocesi di Venezia ha stabilito: da lunedì 24 febbraio " no a tutta domenica 1 marzo La celebrazione delle S. Messe, incluse quelle del Mercoledì delle Ceneri e domenicali viene sospesa.

Mecoledì delle Ceneri

“Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù venne in Galilea, predicando il Vangelo di Dio. Diceva: Il tempo è compiuto e il regno di Dio è giunto: convertitevi e credete al Vangelo”. (Mc 1, 1-15)

Gruppo Famiglie

Domenica 1 marzo il gruppo famiglie si incontrerà per continuare il proprio percorso di lettura del Vangelo. Tutte le famiglie interessate sono invitate a partecipare. L’appuntamento è alle 16:45 in Centro San Lorenzo. I bambini giocheranno e rifletteranno con gli animatori ed il pomeriggio si concluderà con la collaudata cena con lo stile porta e condividi.

Abbonamento a Feed RSS - blog di admin